mardi, janvier 30, 2007



L'esercito spagnolo

Premetto, per chi capitasse qui per puro caso, che sono in Erasmus in Francia, a Parigi. Ma ci sono giorni che mi sento un Erasmus a Barcellona o Madrid o Granada o Siviglia o Valencia o Bilbao o San Sebastian.

La Comunità Spagnola in Erasmus a Parigi mi ha addottato. Ha addottato l'Italiano, quello di Genova (pronunciano la "G" come quando ci si prepara a mollare uno sputo da record, denso di catarro, ndr). A loro piace stare tutti assieme, parlare spagnolo, fare cose da spagnoli. A me piace stare con loro.

Un italiano che sta con gli spagnoli in Francia. E' emblematico. Rappresenta il mio stato d'animo di questi mesi: mai una cosa per volta, minimo due! E' la voglia di conoscere, di vedere che succede da una parte e dall'altra contemporaneamente. Destra e sinistra. Sopra e sotto. Destra e sinistra e sopra e sotto.

Difficile concludere qualcosa con questo atteggiamento, tante cose le si lasciano a metà. Ma è più forte di me e gli stimoli sono troppi, la scelta unica diventa una chimera.

Si accumulano esperienze, magari confuse, magari da terminare, magari da ripensare, però tutte rafforzano la personalità in una maniera singolare. Guardo a quest'anno come un periodo di sperimentazione sulla mia persona e la sua capacità di adattarsi alle situazioni più disparate e disperate.

Circondato da spagnoli.

Sipario...

2 Comments:

Blogger Rufus in fabula said...

Sei in buona compagnia. GARANTITO.

01:12  
Anonymous Anonyme said...

Sarai pure circondato, ma una presenza su tutte, se non ricordo male, non ti dispiace affatto. Sarei lieto di ricevere novità da parte tua sul quel versante. Per quanto mi riguarda, fase di stallo CAUSA ESAMI, ne avro' fino al dodici, questo pero' non mi impedisce di delirare durante il fine settimana.

Adesso pero' vado a tirare su una trentina di appartamenti ( ho solo 10 giorni ), augurami buona fortuna.

Guglie

09:47  

Enregistrer un commentaire

<< Home