mercredi, janvier 24, 2007



Dolce dormire

Il mattino nuoce gravemente alla salute. Svegliarsi prima che il nostro organismo lo decida è chiaramente contro Natura. Diffidate seriamente da chi sostiene che le ore di sonno sarebbero ore perse.

Dormire è uno dei piaceri della vita. La sua benefica azione si riflette sul metabolismo degli esseri viventi. Il piacere estremo lo si prova quando non si è dormito per diversi giorni e tutto di un colpo si crolla in un sonno che ci farà risorgere una dozzina d'ore più tardi.

Il sonno ci prende delicatamente in braccio e ci porta via dal nostro habitat di esseri umani, ovvero animali. La destinazione non esiste. A un certo punto ci lascia cadere in qualcosa che non sappiamo descrivere, non sappiamo raccontare, non sappiamo riconoscere, non sappiamo controllare. A un certo punto ci lascia cadere e lascia a noi l'iniziativa. Ed è qui che la nostra mente corre all'impazzata in un miscuglio di suoni, luci, colori, odori, sapori appartenenti al Mondo dei Sogni.

Un mondo che non si ripete mai due volte, un mondo che possiamo interrompere aprendo gli occhi ma di cui non potremo mai fare a meno. Il mondo del nostro Io, di cui solo noi stessi ne conosciamo la Storia.

Un mondo che uccidiamo ogni volta che suona la sveglia.

Sipario...

7 Comments:

Anonymous Anonyme said...

La sveglia è solo una scusa per chi decide di imporre un freno alla propria immaginazione...mai provato a sognare ad occhi aperti?

12:38  
Anonymous Rufus in fabula said...

Ma di chi è sto commento del cazzo che mi precede? Spero sia uno scherzo...

15:00  
Anonymous Anonyme said...

Ho mille sogni nel cassetto...
e una maledetta sveglia sul comodino!!

Guglie

16:22  
Blogger dopamine said...

caro il mio gaspa, il sonno non e' il mondo dell'io: bensì dell' es, dell'inconscio. la nostra mente, priva di mediazione con l'esterno, col reale, da libero sfogo a pulsioni, desideri, sentimenti e sensazioni senza la mediazione del super io: ed ecco i sogni.

io sogno tanto, e faccio sogni strani. parecchio strani. ma la loro concretezza e' disarmante, e a volte sembra che le emozioni provate durante il sonno siano piu' reali di quelle che si provano da svegli.
ho imparato ad ascoltare i miei sogni, ad ascoltare il mio inconscio. non ho ancora imparato ad addormentarmi ad orari decenti, ma ci sto lavorando.

12:32  
Anonymous Anonyme said...

beh vi servirà pure il commento di uno che la sveglia la sente e la rispetta!!
Credo che ormai il mio meccanismo mentale -meccanismo perverso e spesso fastidioso- mi abbia abituato a svegliarmi molto presto pur senza dover andare a letto nelle ore dei citrulli..
Per me la sveglia è sempre in ritardo di cinque minuti..mi sveglio sempre un po' prima e ogni volta guardo l'ora sperando di poter avere ancora qualche gioia dal sonno e non ci riesco mai..
forse sto attraversando una fase da nonno di merda che si sveglia alle sei ma in realtà non è proprio così..mentre voi pivelli vi tormentate tutti i giorni con la sveglia io la lascio fare per qualche giorno per poi castigarla nel fine settinana...è molto meglio..voi fate un torto a chi non vi molesta mai -perchè tanto mica vi svegliate-..io invece infastidisco chi mi tormenta..che soddisfazione...

14:20  
Blogger dopamine said...

se dovessi seguire il mio bioritmo, mi alzerei tutti i pomeriggi alle due e andrei a letto all'alba..

e spesso lo faccio.

18:13  
Anonymous Anonyme said...

Preso da una strana, folleggiante euforia notturna, che spero non diventi insonnia (il buon Metal ne sa qualcosa a proposito)e che mi si ripresenta ad oggi da circa 2 mesi or sono, non potevo macare dal dire quanto sia d'accordo con il nostro Giorgione, per di più mi viene in mente quanto sia ormai poco impressionabile di fronte a certe scena crude della realtà che ci circonda e quanto invece mi risvegli sudato e visibilmente spaventato dopo un brutto incubo... una sorta di Metabolismo e rielaborazione degli schok subiti o lo strano effetto di una cena pesante e troppi strati di coperte?

Emanuele

04:33  

Enregistrer un commentaire

<< Home